spot_img

Libia, un voto per la svolta


Espellere i combattenti stranieri è una delle priorità e solo un Governo legittimo avrà la forza per riuscirci. Elezioni eque, libere e trasparenti alla fine di quest'anno sono cruciali

Arturo Varvelli Arturo Varvelli
[ROMA] è direttore dello European Council on Foreign Relations Italia.

Espellere i combattenti stranieri è una delle priorità e solo un Governo legittimo avrà la forza per riuscirci. Elezioni eque, libere e trasparenti alla fine di quest’anno sono cruciali

Sono trascorsi più di 10 anni dallo scoppio delle proteste contro il regime del colonnello Muammar Gheddafi. Fin dal suo inizio, la crisi libica è stata caratterizzata dall’influenza decisiva di attori esterni. La Libia è diventata il teatro di una guerra per procura, esacerbata dalla divisione de facto sotto due diverse autorità durata per diversi anni: da un lato, il Governo di accordo nazionale (GNA) riconosciuto a livello internazionale, emanato dall’accordo di Skhirat del 2015 e sotto la leadership di Fayez al-Sarraj; dall’altro il maresciallo Khalifa Haftar e il suo Libyan National Army (LNA), che dopo aver conquistato porzioni sempre più vaste della Libia orientale, nell’aprile 2019 hanno lanciato un’offensiva per conquistare Tripoli dal GNA. Mentre il Qatar e in particolare la Turchia hanno sostenuto il governo di Al-Sarraj, l’Egitto, l’EAU e in seguito la Russia hanno sostenuto Haftar, al quale anche la Francia ha battuto ciglio più di una volta.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania