spot_img

Sochi: Abe e Xi Jinping


Dopo quelli che la stampa cinese ha definito come i «deliri» del filippino Aquino (che ha paragonato la Cina alla Germania nazista e le Filippine alla Cecoslovacchia del 1938), nuovo test diplomatico per Cina e Giappone: Abe e Xi Jinping infatti si sfioreranno, è lecito credere che neanche si stringeranno la mano, all'inaugurazione dei giochi olimpici di Sochi. Distanze abissali tra i due paesi, in questo momento, ma un dato è in comune: sono i due principali acquirenti di asset americani.

Dopo quelli che la stampa cinese ha definito come i «deliri» del filippino Aquino (che ha paragonato la Cina alla Germania nazista e le Filippine alla Cecoslovacchia del 1938), nuovo test diplomatico per Cina e Giappone: Abe e Xi Jinping infatti si sfioreranno, è lecito credere che neanche si stringeranno la mano, all’inaugurazione dei giochi olimpici di Sochi. Distanze abissali tra i due paesi, in questo momento, ma un dato è in comune: sono i due principali acquirenti di asset americani.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

Prove di disgelo tra Corea del Sud e Giappone

I media e la loro influenza sulla nostra percezione del mondo