Sorpresa, c’è una Russia che ha stile da vendere


Guai a chiamarlo “stilista”: Alexandre Arngoldt si considera infatti un “designer”. Le sue creazioni ironiche e sfrontate stanno diventando famose in tutto il mondo. Niente di più lontano dai tagli del passato per il creatore del “prêt-à-porter di lusso post-sovietico“. Il suo grande obiettivo, ora, è sfondare sul mercato americano. Con i tessuti italiani che usa abitualmente

Guai a chiamarlo “stilista”: Alexandre Arngoldt si considera infatti un “designer”. Le sue creazioni ironiche e sfrontate stanno diventando famose in tutto il mondo. Niente di più lontano dai tagli del passato per il creatore del “prêt-à-porter di lusso post-sovietico“. Il suo grande obiettivo, ora, è sfondare sul mercato americano. Con i tessuti italiani che usa abitualmente

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia