spot_img

Il muro con il Messico non fermerà l’epidemia degli oppioidi


Negli Usa la chiamano opidemic ed è davvero “un'emergenza sanitaria", come ha detto Trump giovedì. Ma sigillare il confine meridionale non serve. Perché l’eroina non passa dal deserto. E tra le vittime, crescono in modo vertiginoso quelle uccise da overdose di antidolorifici

Un murale rappresenta la dipendenza da eroina Una donna cammina da un dipinto raffigurante tossicodipendenti di eroina in un parco nella città di confine di Ciudad Juarez, stato messicano di Chihuahua. REUTERS/Tomas Bravo

Negli Usa la chiamano opidemic ed è davvero “un’emergenza sanitaria”, come ha detto Trump giovedì. Ma sigillare il confine meridionale non serve. Perché l’eroina non passa dal deserto. E tra le vittime, crescono in modo vertiginoso quelle uccise da overdose di antidolorifici

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo