EN

eastwest challenge banner leaderboard

RETROSCENA

Stati Uniti: miti e leggende

Indietro    Avanti

Quanti sono gli americani che si vaccinerebbero contro il Covid-19? Rassegna dei luoghi comuni e delle false interpretazioni più frequenti e abusate

Un’infermiera somministra il vaccino cinese Sinovac, un potenziale vaccino per la malattia da coronavirus presso l’Ospedale Sao Lucas della Pontificia Università Cattolica del Rio Grande do Sul, a Porto Alegre, Brasile, 8 agosto 2020. REUTERS/Diego Vara

Due terzi degli americani pensa che Trump sia stato lento ad affrontare la pandemia

VERO

Un sondaggio effettuato dal Pew Research Center rivela che circa il 65% degli intervistati ha valutato negativamente l’operato di Donald Trump all’inizio della pandemia. Il Presidente americano avrebbe agito in maniera troppo poco tempestiva, quando i primi casi della malattia sono stati segnalati in altri Paesi. Il primo caso della pandemia di Covid-19 del 2020 negli Stati Uniti d’America è stato confermato il 20 gennaio 2020, quando un uomo di 35 anni, tornato da Wuhan è stato trovato positivo. Il numero dei contagiati ad agosto ha superato i 5 milioni di persone. Tutti gli Stati federati hanno registrato almeno un caso.

Il 35% degli americani non si vaccinerebbe contro il Covid-19

VERO

Mentre il direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive Anthony Fauci ha dichiarato davanti al Congresso la sua fiducia che un vaccino contro il coronavirus sarà pronto entro l’inizio del 2021, una fetta importante degli americani si dice contraria a vaccinarsi. Secondo un sondaggio condotto da Gallup tra luglio e agosto il numero dei contrari si aggira intorno al 35%, percentuale che nelle zone rurali sale al 44%. L’81% degli intervistati democratici è disposto a vaccinarsi contro il 47% di quelli repubblicani.

La maggior parte degli americani è contraria al voto per posta

FALSO

Secondo un sondaggio condotto da Gallup il 64% degli americani è favorevole al voto per posta. Lo sono soprattutto i democratici (83%) mentre i repubblicani sono molto meno favorevoli (40%). La possibilità di votare per posta negli Usa esiste da molti anni in diversi Stati americani. In Oregon e Colorado la quasi totalità del voto avviene a distanza; in Arizona, California, Hawaii, Montana, Utah e Washington la maggior parte. A causa della pandemia si prevede che gli elettori statunitensi decidano di usufruire di questa possibilità alle elezioni presidenziali di novembre, come hanno già fatto in questi mesi in occasione delle primarie.

Questo articolo è pubblicato anche sul numero di settembre/ottobre di eastwest.

Puoi acquistare la rivista in edicola o abbonarti.

@ilarias 

Su questo argomento, leggi anche

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati



La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA