spot_img

Stella Rossa di Belgrado: addio al calcio di Stato, la Serbia apre alla privatizzazione


C’era una volta la grande Stella Rossa Belgrado, capace di conquistare una Coppa dei Campioni nel 1991 schierando in campo serbi, croati, bosniaci, montenegrini e macedoni,  e di diventare, suo malgrado, il simbolo vincente di un Paese in disfacimento.

C’era una volta la grande Stella Rossa Belgrado, capace di conquistare una Coppa dei Campioni nel 1991 schierando in campo serbi, croati, bosniaci, montenegrini e macedoni,  e di diventare, suo malgrado, il simbolo vincente di un Paese in disfacimento.

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione