spot_img

Sudan, il Generale al-Burhan annuncia la fine del Governo militare


Svolta nel Paese che si è riavvicinato alla comunità internazionale dopo la deposizione di al-Bashir nel 2019: dopo il colpo di Stato militare dello scorso ottobre, via libera alle trattative per il nuovo esecutivo senza la partecipazione dell’esercito

Svolta nel Paese che si è riavvicinato alla comunità internazionale dopo la deposizione di al-Bashir nel 2019: dopo il colpo di Stato militare dello scorso ottobre, via libera alle trattative per il nuovo esecutivo senza la partecipazione dell’esercito

Svolta in Sudan, dove l’esercito guidato dal Generale Abdel Fattah al-Burhan annuncia l’intenzione di non partecipare alle trattative per la formazione del nuovo esecutivo, che verrà così scelto dalle forze politiche che, a loro volta, organizzeranno le elezioni generali. Un cambio di posizione di rilievo, per un Paese che ha dovuto fare i conti con la posizione ingombrante dell’esercito e dove al-Burhan ha dettato il bello e il cattivo tempo degli ultimi 3 anni.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

La guerra tra Israele e Iran

In Sudan si combatte da un anno esatto

Spagna: i golden visa e la crisi abitativa

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo