Usa-Ue, ecco i principi di Pittsburgh su commercio e tecnologia


Dopo le tensioni geopolitiche, si riunisce il Consiglio voluto da Biden e von der Leyen per obiettivi comuni nella gestione economica e dei nuovi sistemi

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

Dopo le tensioni geopolitiche, si riunisce il Consiglio voluto da Biden e von der Leyen per obiettivi comuni nella gestione economica e dei nuovi sistemi

Prima del meeting di Pittsburgh, il Commissario al Commercio Valdis Dombrovskis ha ricordato che “i futuri conflitti saranno combattuti diversamente. La sfida per la supremazia tecnologica sarà il nuovo campo di battaglia della geopolitica”. In sostanza, questa affermazione riassume gli obiettivi di lungo termine del primo incontro dell’EU-US Trade and Technology Council, il framework ideato dai Presidenti Joe Biden e Ursula von der Leyen per decidere il da farsi sul futuro delle relazioni commerciali in campo tecnologico tra Washington e Bruxelles, nel quadro di un mercato, quello che unisce le due sponde dell’Atlantico, composto da 780 milioni di persone che condividono valori democratici e la più grande relazione economica al mondo.

Come spiega una nota della Casa Bianca, la scorsa settimana “Stati Uniti e Unione europea hanno deciso di coordinarsi su una serie di questioni economiche e tecnologiche ritenute critiche e della massima importanza”: sullo sfondo, il confronto con la Cina, da affrontare unitariamente per poter mantenere l’influenza in questi ambiti, basandosi su princìpi democratici. Un’unità necessaria, che ha rischiato di collassare nelle scorse settimane per via del patto Aukus che, di fatto, esclude la presenza europea — tramite la Francia — nell’Indo-Pacifico, portando Parigi a veementi proteste tanto da mettere in dubbio lo svolgimento stesso dell’incontro di Pittsburgh.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran