spot_img

Surviving Delhi #7: Il curry non esiste


La mia camera qui a Delhi è situata in una posizione che, con slancio di ottimismo, si può definire strategica: in mezzo all'appartamento, è praticamente incavata su un lato del corridoio e gode di doppio affaccio, uno sul corridoio - finestrone alto, inapribile - e una piccola finestrella su quello che mia madre, architetto d'interni, chiamerebbe forse "cavedio", un cilindro vuoto che attraversa tutti e tre i piani dello stabile. E pure quella, nonostante la maniglia, è inapribile 24 ore su 24.

La mia camera qui a Delhi è situata in una posizione che, con slancio di ottimismo, si può definire strategica: in mezzo all’appartamento, è praticamente incavata su un lato del corridoio e gode di doppio affaccio, uno sul corridoio – finestrone alto, inapribile – e una piccola finestrella su quello che mia madre, architetto d’interni, chiamerebbe forse “cavedio”, un cilindro vuoto che attraversa tutti e tre i piani dello stabile. E pure quella, nonostante la maniglia, è inapribile 24 ore su 24.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania