spot_img

Svezia, gli attacchi alle moschee fanno tremare la patria dell’accoglienza


All’alba del 29 dicembre i vigili del fuoco sono intervenuti per domare un incendio doloso nelle sale di un edificio utilizzato come moschea ad Eslöv, una località nel sud della Svezia. Quattro giorni prima, il giorno di Natale, a Eskilstuna (nel sudest della Svezia) un ordigno incendiario era stato lanciato in una moschea attraverso una finestra del locale, il piano terra di un edificio abitato: cinque persone erano rimaste ferite. 

All’alba del 29 dicembre i vigili del fuoco sono intervenuti per domare un incendio doloso nelle sale di un edificio utilizzato come moschea ad Eslöv, una località nel sud della Svezia. Quattro giorni prima, il giorno di Natale, a Eskilstuna (nel sudest della Svezia) un ordigno incendiario era stato lanciato in una moschea attraverso una finestra del locale, il piano terra di un edificio abitato: cinque persone erano rimaste ferite. 

Girls carrying leaflets which read, "Don't touch my mosque", participate in a demonstration at the house of parliament in Stockholm January 2, 2015. Three mosques have suffered arson attacks in Sweden since Christmas Day, according to media reports. REUTERS/Fredrik Sandberg/TT News Agency

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania