Svezia, le future elezioni si giocheranno su scuola e cultura


Non è un caso che quest’anno la Capitale Europea della Cultura sia Umeå: da sempre città creativa, in conseguenza dell’istituzione dell’Università avvenuta negli anni sessanta il centro urbano (650 chilomentri a nord di Stoccolma e 400 a sud dell’Artico) ha conosciuto una espansione demografica - da quarantamila a quasi centoventimila abitanti, trentaseimila dei quali iscritti all’università - senza pari in Europa.

Non è un caso che quest’anno la Capitale Europea della Cultura sia Umeå: da sempre città creativa, in conseguenza dell’istituzione dell’Università avvenuta negli anni sessanta il centro urbano (650 chilomentri a nord di Stoccolma e 400 a sud dell’Artico) ha conosciuto una espansione demografica – da quarantamila a quasi centoventimila abitanti, trentaseimila dei quali iscritti all’università – senza pari in Europa.

Il ruolo della città svedese sarà presentato, a partire dal 31 gennaio, all’inizio del Dálvvie, la prima delle otto stagioni dei Sami, popolazione autoctona del nord della Scandinavia, nel cui territorio si trova Umeå.

Nei tre giorni di inaugurazione, artisti locali e stranieri contribuiranno ad uno spettacolo in cui neve e luci saranno cornice di diversi eventi, sullo sfondo del fiume Umeälven e della piazza centrale, Rådhustorget. Le iniziative comprenderanno più di centoventi eventi, oltre all’apertura di nuovi musei. Umeå vanta una scena musicale che spazia dal pop all’ hardcore, passando per la classica. Molte realtà europee sono entrate nell’ideazione di “Umeå 2014”, attraverso un concorso che ha portato alla selezione di cinquecento progetti artistici.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img