spot_img

Taccuino da Bruxelles


COMMERCIO TRA EUROPA E USA: DI NUOVO IN PISTA?

Dopo una breve pausa causata dai  problemi di Washington nel concludere  un accordo bipartisan su come alzare il  tetto del suo debito, da novembre, su  entrambe le sponde dell’Atlantico, si  riparla del tanto sollecitato accordo di  libero commercio. 

COMMERCIO TRA EUROPA E USA: DI NUOVO IN PISTA?

Dopo una breve pausa causata dai  problemi di Washington nel concludere  un accordo bipartisan su come alzare il  tetto del suo debito, da novembre, su  entrambe le sponde dell’Atlantico, si  riparla del tanto sollecitato accordo di  libero commercio. 

Europa e Stati Uniti ne hanno disperato  bisogno. Aprire i loro mercati di certo  potrebbe infondere fiducia  nell’economia globale e promuovere la  crescita – mettendo da parte qualche  legittima preoccupazione per i consumatori. 

Bruxelles e Washington sono determinate a concludere. Tuttavia, come quasi tutto al momento, un trattato siglato dalle due parti richiede l’approvazione del Parlamento europeo. Considerata la recente scoperta che gli Usa spiavano l’Europa, sarebbe un grave errore aspettarsi che i Ministri dell’Unione siano entusiasti di avallare accordi. Dopo le rivelazioni di Snowden, a Bruxelles e a Strasburgo la fiducia
negli Usa è crollata ai minimi storici.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img