Taccuino da Washington


Cia: riorganizzazione strutturale in vista - Il direttore dell’agenzia d’intelligence statunitense, John Brennan, sta valutando il frazionamento delle divisioni di analisi e spionaggio per costituire unità ibride dedicate a intere regioni geografiche e a specifiche minacce per la sicurezza nazionale.

Cia: riorganizzazione strutturale in vista – Il direttore dell’agenzia d’intelligence statunitense, John Brennan, sta valutando il frazionamento delle divisioni di analisi e spionaggio per costituire unità ibride dedicate a intere regioni geografiche e a specifiche minacce per la sicurezza nazionale.

Il piano, ancora allo stadio preliminare, è già stato sottoposto a una commissione interna dell’agenzia di Langley per valutarne l’efficacia. Nel rivelare il progetto, il Washington Post ha diffuso anche parti di un messaggio di Brennan ai dipendenti, che esprime preoccupazione per l’efficacia dell’attuale struttura organizzativa nella quale “il bisogno d’integrazione non è mai stato maggiore” con le missioni Cia che “attraversano i confini tradizionali”.

Sin dalla fondazione dell’agenzia, nel 1947, i dipendenti della Cia sono stati ripartiti in quattro direzioni: il National Clandestine Service, che invia all’estero agenti sotto copertura; la direzione Intelligence che impiega migliaia di analisti per fornire informazioni puntuali al presidente Obama e ai vertici istituzionali; una direzione dedicata alla scienza e alla tecnologia, un’altra che gestisce la logistica delle operazioni all’estero.

La proposta di Brennan prevede la creazione di “centri” che riuniscano analisti, operatori, e personale di supporto sulla falsariga del modulo organizzato del Counterterrorism Center (Ctc). 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema