spot_img

Taiwan: si insedia oggi il nuovo Presidente Lai Ching-te


Una lunga lista di sfide per il suo mandato di 4 anni, senza la maggioranza parlamentare. Prima di tutte le relazioni con la Cina, e sul fronte interno l’altissimo prezzo delle case rispetto ai salari e la dipendenza energetica alla quale i partiti di opposizione vorrebbero rispondere con il nucleare

Ci siamo. Lai Ching-te ora non è solo il presidente eletto, ma il presidente in carica di Taiwan. O meglio, della Repubblica di Cina, il nome ufficiale con cui Taipei è indipendente de facto e retaggio della sconfitta dei nazionalisti di Chiang Kai-shek nella guerra civile contro i comunisti di Mao Zedong.

Vincitore delle presidenziali dello scorso 13 gennaio, Lai si insedia lunedì 20 maggio, poco più di quattro mesi dopo le urne. A lasciargli il posto è Tsai Ing-wen, che ha governato per otto turbolenti anni cominciati nel 2016. Lai è stato il suo vicepresidente per il secondo mandato, cominciato nel 2020.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Israele/Libano: sull’orlo della guerra

Le sfide del nuovo mandato del Presidente Ramaphosa

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo