spot_img

Tatarstan


“Gratta un russo e troverai un tartaro”. Un vecchio detto ricorda ai concittadini di Putin che prima dei Sovietici e prima ancora dello zar la Russia si è formata dall’unione di popoli nemici, come gli Slavi e i Mongoli. Per tartaro, infatti, nel XIII sec. si intendeva qualunque popolo nomade che provenisse dall’Asia o avesse radici turcofone.

“Gratta un russo e troverai un tartaro”. Un vecchio detto ricorda ai concittadini di Putin che prima dei Sovietici e prima ancora dello zar la Russia si è formata dall’unione di popoli nemici, come gli Slavi e i Mongoli. Per tartaro, infatti, nel XIII sec. si intendeva qualunque popolo nomade che provenisse dall’Asia o avesse radici turcofone.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania