Tecnologie&Risorse – Protezione solare, di “fattore” ignoto


Una proposta per frenare il “global warming” lascia freddo l’establishment scientifico.

Una proposta per frenare il “global warming” lascia freddo l’establishment scientifico.

L’idea è di schermare il Pianeta dai raggi solari per rallentare l’incalzante riscaldamento globale. È una sorta di esperimento planetario i cui rischi sono imprevedibili e globali, ma per alcuni è una possibile via d’uscita dalla crisi climatica che si prospetta.

In termini tecnici si parla di “geoengineering solare”, o di “gestione della radiazione solare”, e nasce dall’osservazione della natura: così come i vulcani sono in grado di raffreddare il pianeta eruttando in pochi giorni immense quantità di polveri sospese e altre sostanze nell’atmosfera, un rilascio controllato di solfati (o altro) potrebbe schermarci dai raggi solari. Non molto, ma forse abbastanza.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img