spot_img

Tibet: più libertà in alta quota


Pechino teme la disgregazione: facendo concessioni al Tibet, altre etnie, come per esempio gli uiguri e i mongoli, avrebbero un precedente sul quale far leva per le loro rivendicazioni. Così temporeggia, sperando in un prossimo e più manovrabile Dalai Lama.

Pechino teme la disgregazione: facendo concessioni al Tibet, altre etnie, come per esempio gli uiguri e i mongoli, avrebbero un precedente sul quale far leva per le loro rivendicazioni. Così temporeggia, sperando in un prossimo e più manovrabile Dalai Lama.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania