Tripoli: “casella di posta” sulla via di Damasco


La crisi siriana contagia il Libano, dove sunniti ribelli e alawiti pro Assad si fronteggiano nella seconda città del Paese.

La crisi siriana contagia il Libano, dove sunniti ribelli e alawiti pro Assad si fronteggiano nella seconda città del Paese.

Alla periferia est di Tripoli, Libano del Nord, c’è una linea del “fronte” chiamata Syria Street. Solca il confine tra due quartieri vicini e nemici: quello di Bab al- Tabbaneh, roccaforte sunnita a maggioranza salafita, e quello collinare di Jabal Mohsen, sobborgo alawita.

Palazzi crivellati di proiettili raccontano una storia che dura da oltre trent’anni, quella di una guerra settaria e a intermittenza, che coinvolge sunniti e sciiti, vecchi rancori familiari e interessi economici. Quelle case-groviera raccontano anche che la crisi siriana sta trascinando la seconda città più popolosa del Libano nel caos del conflitto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale