spot_img

Troppe donne “di qualità”


La Cina ora le vuole a casa e incinte.

La Cina ora le vuole a casa e incinte.

La crescita demografica squilibrata della Cina non solo sta conducendo la popolazione all’invecchiamento, ma riporta in vita pratiche discriminatorie che si credevano ormai scomparse. E’ il caso delle recenti campagne mediatiche che prendono di mira le donne, per ridefinirne il ruolo all’interno delle famiglie.

Il sesso femminile è oggi incoraggiato dal governo a mettere da parte carriera e libertà conquistate nell’ultimo mezzo secolo di emancipazione e tornare ad essere donne di casa. Occorre produrre nuova forza lavoro con cui raddrizzare gli squilibri causati da più di trent’anni di pianificazione delle nascite, recitano gli slogan riportati dai media. Le giovani donne devono sposarsi presto e tornare a fare figli come una volta, anche due per coppia ora che la barriera del figlio unico è caduta all’inizio di quest’anno.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img