La finta pace di Trump in Palestina


Il Presidente Usa annuncia un nuovo piano di pace per la Palestina. Ma non è una cosa seria...

Manifestanti palestinesi calpestano manifesti che raffigurano il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu durante una protesta contro il per il piano di pace degli Stati Uniti nel Medio Oriente, nella striscia meridionale di Gaza, 25 giugno 2019. REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa

Il Presidente Usa annuncia un nuovo piano di pace per la Palestina. Ma non è una cosa seria…

Donald Trump si appresta ad annunciare il suo piano di pace per il Medio Oriente. Il Presidente americano ha invitato alla Casa Bianca il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il leader dell’opposizione Benny Gantz per discutere oggi e domani i dettagli della proposta americana.

All’inizio, la presenza di Gantz era in dubbio: molti analisti politici israeliani hanno considerato la mossa di Trump un regalo all’alleato Netanyahu in vista delle prossime elezioni del 3 marzo (le terze in un anno) ma, alla fine, anche l’ex capo dell’esercito israeliano ha confermato la propria presenza.

Secondo alcune anticipazioni apparse sui media, ma non confermate dalla Casa Bianca, il piano di pace di Trump porrebbe come precondizione ai palestinesi, per la creazione di uno Stato, la smilitarizzazione di Gaza e Hamas, l’accettazione della sovranità israeliana sulla Valle del Giordano e sugli insediamenti nell’Area C (il 60% della Cisgiordania) e il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, come Stato del popolo ebraico. Alla Palestina andrebbero circa 50 miliardi di finanziamenti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img