Tsipras e quella strana ispirazione a Erdogan


Tsipras? Si è ispirato a Erdogan. In Turchia, a pochi giorni dalle elezioni che hanno visto trionfare Syriza, ne sono tutti convinti, per la giovane promessa della politica greca l’Akp, il Partito islamico-moderato per la Giustizia e lo Sviluppo che guida la Mezzaluna dal 2002, è un modello da seguire.

Tsipras? Si è ispirato a Erdogan. In Turchia, a pochi giorni dalle elezioni che hanno visto trionfare Syriza, ne sono tutti convinti, per la giovane promessa della politica greca l’Akp, il Partito islamico-moderato per la Giustizia e lo Sviluppo che guida la Mezzaluna dal 2002, è un modello da seguire.

 A confermare questa sensazione sono arrivate le parole del Primo Ministro, Ahmet Davutoglu. Il capo del governo di Ankara ha rivelato di aver incontrato Tsipras in dicembre e che in quell’occasione il leader di Syriza avrebbe confessato che, pur guidando una formazione politica di orientamento molto diverso, ha sempre guardato con grande interesse all’affermazione dell’Akp e al suo modo di gestire il consenso e il potere.

La tendenza al “turco-centrismo” e al sovrastimare attestazioni di stima come le proprie capacità è una caratteristica tipica della Mezzaluna. Eppure, a voler analizzare i fatti  e tenendo presenti gli opportuni distinguo, ci sono alcuni elementi che fanno risultare questa ipotesi non così peregrina.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img