Tumulto in paradiso


Per tre settimane il piccolo Gezi Park, situato in una delle piazze pubbliche più importanti della città più popolosa della Turchia, era sotto occupazione. Nonostante gli ingenti quantitativi di gas al peperoncino utilizzati contro di loro, e le manganellate e i getti di acqua sotto pressione della polizia, i dimostranti hanno tenuto duro.

Per tre settimane il piccolo Gezi Park, situato in una delle piazze pubbliche più importanti della città più popolosa della Turchia, era sotto occupazione. Nonostante gli ingenti quantitativi di gas al peperoncino utilizzati contro di loro, e le manganellate e i getti di acqua sotto pressione della polizia, i dimostranti hanno tenuto duro.

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema