spot_img

Tunisia, tribunali militari e libertà di espressione


Il 24 dicembre, appena sbarcato all’aeroporto Cartagine di Tunisi, Yassine Ayari è stato arrestato con l’accusa di aver diffamato l’esercito e i suoi alti capi. Ayari è un blogger tunisino che vive a Parigi, è stato uno dei punti di riferimento durante la rivoluzione della dignità, e nella recente campagna elettorale ha sostenuto Moncef Marzouki, senza risparmiare critiche anche feroci a Beji Caid Essebsi, troppo invischiato negli affari del vecchio regime.

Il 24 dicembre, appena sbarcato all’aeroporto Cartagine di Tunisi, Yassine Ayari è stato arrestato con l’accusa di aver diffamato l’esercito e i suoi alti capi. Ayari è un blogger tunisino che vive a Parigi, è stato uno dei punti di riferimento durante la rivoluzione della dignità, e nella recente campagna elettorale ha sostenuto Moncef Marzouki, senza risparmiare critiche anche feroci a Beji Caid Essebsi, troppo invischiato negli affari del vecchio regime.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania