spot_img

Turchia e Israele: nemici in politica, amici in affari


I rapporti diplomatici sono sempre più tesi, ma quando c’è di mezzo il business i problemi per Turchia e Israele sembrano non esistere. A dirlo è niente meno che il Tuik, l’Istituto di Statistica turco. Dal 2009, anno ufficiale di inizio della crisi fra le due nazioni, un tempo grandi alleate del Mediterraneo, al 2014, le esportazioni sono aumentate del 50%, soprattutto quelle di parte turca. 

I rapporti diplomatici sono sempre più tesi, ma quando c’è di mezzo il business i problemi per Turchia e Israele sembrano non esistere. A dirlo è niente meno che il Tuik, l’Istituto di Statistica turco. Dal 2009, anno ufficiale di inizio della crisi fra le due nazioni, un tempo grandi alleate del Mediterraneo, al 2014, le esportazioni sono aumentate del 50%, soprattutto quelle di parte turca. 

 

eurocomunicazione.com

 

L’Interscambio commerciale 5 anni fa era 2,6 miliardi di dollari, oggi siamo arrivati a 5,6 miliardi di dollari. L’export di Ankara verso Gerusalemme è passato da 1,5 miliardi di dollari a 2,7 miliardi di dollari, mentre quello israeliano da 1,1 a 2,7 miliardi di dollari. Tutto questo con una presenza diplomatica ridotta al minino indispensabile, rapporti bilaterali sempre più tesi e una crisi, quella siriana, che ha destabilizzato l’intera regione. 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img