spot_img

Turchia: l’autunno caldo di Erdoğan


Ritornano gli scontri in Turchia, ritornano i gas lacrimogeni, le cariche nei vicoli stretti adiacenti la centrale Istiklal, ritornano i TOMA (i famigerati blindati della polizia con i loro cannoni ad acqua che spruzzano non acqua ma liquido urticante) e la repressione poliziesca nelle principali città turche già teatro di scontri nei mesi caldi di Giugno e Luglio.

Ritornano gli scontri in Turchia, ritornano i gas lacrimogeni, le cariche nei vicoli stretti adiacenti la centrale Istiklal, ritornano i TOMA (i famigerati blindati della polizia con i loro cannoni ad acqua che spruzzano non acqua ma liquido urticante) e la repressione poliziesca nelle principali città turche già teatro di scontri nei mesi caldi di Giugno e Luglio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img