spot_img

Turchia, Ue aggiunge alla blacklist privati e aziende turche


Turchia: l'Ue ha deciso di aggiungere altri nomi alla lista nera per le trivellazioni nel Mediterraneo orientale. Ma aspetta di confrontarsi con l'amministrazione Biden

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

Turchia: l’Ue ha deciso di aggiungere altri nomi alla lista nera per le trivellazioni nel Mediterraneo orientale. Ma aspetta di confrontarsi con l’amministrazione Biden

La nave di perforazione turca Kanuni nel Mar Nero a Istanbul, Turchia, 13 novembre 2020. REUTERS/Yoruk Isik

Il Consiglio europeo ha deciso di aggiungere altri nomi alla lista nera di soggetti turchi coinvolti nelle trivellazioni “unilaterali” di gas nelle acque intorno Cipro, ma ha preferito non imporre vere e proprie sanzioni economiche verso la Turchia. Stando a quanto riferito da fonti diplomatiche ad Euractiv, al vertice di giovedì scorso si sarebbe verificata una spaccatura tra i leader dei 27 Stati membri dell’Unione: da una parte quelli – Francia, Grecia e Cipro – favorevoli alla linea dura; dall’altra quelli contrari. Un gruppo, quest’ultimo, ben più numeroso. A opporsi attivamente alle sanzioni sono stati infatti Germania e Bulgaria, con il tacito sostegno di Ungheria, Malta, Spagna e Italia.

Cosa ha deciso l’Europa, e cosa no

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img