spot_img

Turkmenistan tra Mosca e Pechino


Nella capitale turkmena si susseguono delegazioni ad alto livello provenienti soprattutto da Paesi europei. È su questo sfondo che si inizia a mettere la sordina alle questioni della democratizzazione e delle violazioni dei diritti umani. Ma ad avvantaggiarsi delle opportunità è soprattutto Pechino, che accelera i lavori di un gasdotto già in costruzione e concede al Turkmenistan l’ingente prestito di 3 miliardi di dollari a tassi di favore. Intanto la Russia…

Nella capitale turkmena si susseguono delegazioni ad alto livello provenienti soprattutto da Paesi europei. È su questo sfondo che si inizia a mettere la sordina alle questioni della democratizzazione e delle violazioni dei diritti umani. Ma ad avvantaggiarsi delle opportunità è soprattutto Pechino, che accelera i lavori di un gasdotto già in costruzione e concede al Turkmenistan l’ingente prestito di 3 miliardi di dollari a tassi di favore. Intanto la Russia…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania