spot_img

Dopo Černobyl e Zaporizhzhia, cosa preoccupa di più l’Ucraina?


Se solo un'altra delle ormai tre centrali attualmente attive dovesse cadere in mano ai russi, Kiev non sarà più in grado di controllare la metà dei suoi reattori nucleari, dando così a Mosca le chiavi per interrompere l’apporto energetico del Paese

Se solo un’altra delle ormai tre centrali attualmente attive dovesse cadere in mano ai russi, Kiev non sarà più in grado di controllare la metà dei suoi reattori nucleari, dando così a Mosca le chiavi per interrompere l’apporto energetico del Paese

Yuzhnoukrainsk (Ucraina meridionale) – Domato l’incendio sviluppatosi nel sito nucleare di Zaporizhzhia, i russi hanno il pieno controllo della centrale. I livelli di radioattività non hanno mai registrato livelli anomali, segno che nessun comparto radioattivo è stato manomesso.

La centrale nucleare di Zaporizhzhia e i suoi reattori

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img