spot_img

L’attivismo del Giappone sulla guerra in Ucraina


Al Primo Ministro Fumio Kishida e ad altre 62 persone è stato impedito l'ingresso nella Federazione russa. Ieri il Premier giapponese in visita a Roma da Mario Draghi: impegno per la tregua. Biden a Tokyo a fine mese

Il Giappone di Fumio Kishida sempre più attivo sul fronte geopolitico, tanto che per le dichiarazioni del Governo e dei sui esponenti sulla guerra in Ucraina e, ancor di più, per le sanzioni imposte alla Russia, Mosca reagisce impedendo l’ingresso nel Paese al Primo Ministro e ad altre 62 persone tra Ministri, organizzazioni e professori universitari. Diventa così sempre più acceso lo scontro tra le due nazioni, dopo che la Federazione aveva deciso a fine marzo di bloccare le trattative per l’accordo di pace e fermato la possibilità, per i cittadini giapponesi, di recarsi alle Isole Curili del Sud senza necessità di visto.

“Il Giappone ha avviato una campagna governativa anti-russa senza precedenti con una retorica inaccettabile”, fa sapere il Ministero degli Esteri moscovita. Insieme al Primo Ministro Kishida, impediti i viaggi in Russia anche al Ministro degli Esteri Yoshimasa Hayashi, al Ministro della Difesa Nobuo Kishi e al Capo della Segreteria di Gabinetto Hirokazu Matsuno. L’invasione russa in Ucraina modifica sempre più lo stato delle relazioni di numerosi Paesi con Mosca, ma la presa di posizione di Tokyo è da annoverare tra quelle particolarmente audaci visto il contesto geografico nel quale il Giappone si trova.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo