spot_img

Ucraina, la Nato avverte la Russia sull’aumento di truppe al confine


Dopo la missione a Mosca del Direttore della Cia interviene il Segretario Generale Stoltenberg: “Concentrazione inusuale di forze militari”

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

Dopo la missione a Mosca del Direttore della Cia interviene il Segretario Generale Stoltenberg: “Concentrazione inusuale di forze militari”

“Chiediamo alla Russia di essere trasparente nelle sue operazioni militari, di ridurre le tensioni e di prevenire un’escalation: questo è un chiaro messaggio dagli alleati Nato”. La dichiarazione del Segretario Generale Jens Stoltenberg va dritta al punto e si concentra sulle azioni di Mosca al confine con l’Ucraina, tornata a essere tema di dibattito tra le due sponde dell’Atlantico dopo il verificarsi di un’alta concentrazione di truppe della Federazione Russa, circa 90mila, vicine al Paese est-europeo partner Nato.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img