spot_img

L’Unione europea dichiara: non esistono prove sulle forniture di armi cinesi alla Russia


Dopo la visita alla Casa Bianca, il Cancelliere Scholz e la Presidente della Commissione von der Leyen lasciano intravedere un superamento della crisi con la Cina e una possibile ripresa del dialogo internazionale per la fine del conflitto in Ucraina

Si abbassano i toni sul possibile coinvolgimento della Cina nella guerra in Ucraina ipotizzato dalle fonti d’intelligence statunitensi e riprese dal Segretario di Stato Antony Blinken. Ora sono gli alleati europei degli Stati Uniti, in primis il Cancelliere Olaf Scholz e la Presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, a dichiarare che “non esistono prove” sulle forniture di armamenti da parte di Pechino a Mosca. Parole che, gettando acqua sul fuoco, non escludono in assoluto che tale evenienza possa accadere, ma che lasciano intravedere un superamento della crisi con la nazione asiatica che può portare al dialogo internazionale proprio sulla fine del conflitto in territorio ucraino.

Nel corso della conferenza stampa Scholz – von der Leyen dopo l’incontro avvenuto con l’esecutivo tedesco a Meseberg, in Germania, i due leader hanno risposto alle domande dei giornalisti sulla questione. Il Cancelliere, fresco del meeting alla Casa Bianca col Presidente Joe Biden, ha ricordato quelle che sembrano vere e proprie rassicurazioni arrivategli dal Governo cinese. “Sono relativamente fiducioso sul fatto che la Cina non invierà armi alla Russia. Siamo in una fase nella quale cerchiamo di evitare che questo accada”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Al via la campagna elettorale in Messico

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo