spot_img

Bielorussia: l’Ue non riconosce Lukashenko


L'Ue non riconosce Lukashenko come Presidente legittimo della Bielorussia e sta riesaminando le relazioni con Minsk. Il caso sta diventando geopolitico

L’Ue non riconosce Lukashenko come Presidente legittimo della Bielorussia e sta riesaminando le relazioni con Minsk. Il caso sta diventando geopolitico

Una manifestazione di protesta contro Alexander Lukashenko a Minsk, Bielorussia, 20 settembre 2020. Tut.By via REUTERS

L’Unione europea ha detto ieri di non riconoscere Lukashenko come legittimo Presidente della Bielorussia. Si è insediato mercoledì scorso, per un sesto mandato, con una cerimonia tenuta semi-nascosta dopo che la sua vittoria alle elezioni del 9 agosto – vinte con circa l’80% dei voti – era stata accusata di brogli e contestata dalla popolazione con grandi manifestazioni di protesta. Proteste che vanno avanti tuttora – c’è una forte partecipazione femminile –, nonostante gli arresti e le violenze compiute dalle forze di polizia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img