spot_img

L’atteso via libera dell’Ue a nucleare e gas per accompagnare la transizione verde


La Commissione sta predisponendo l’atto delegato che conterrà la tassonomia delle fonti di energia sostenibili per indirizzare gli investimenti. Timmermans e von der Leyen assecondano il pressing dei Governi

Gabriele Rosana Gabriele Rosana
[BRUXELLES] Giornalista, è capo della redazione Affarinternazionali.it, la rivista dello IAI. Collabora con D e Dlui di La Repubblica, Linkiesta, Il Messaggero e Aspenia.

La Commissione sta predisponendo l’atto delegato che conterrà la tassonomia delle fonti di energia sostenibili per indirizzare gli investimenti. Timmermans e von der Leyen assecondano il pressing dei Governi

A Bruxelles è ormai diventato un segreto di Pulcinella: energia nucleare e gas saranno ricompresi nella tassonomia Ue, il testo più atteso nel caldo autunno dell’Europa comunitaria. Dovrebbe arrivare già a novembre, in anticipo sulla scadenza prevista entro fine anno, e scongiurando anzi il rischio di un rinvio che sembrava possibile ancora qualche settimana fa. Dietro un’etichetta che su due piedi non dice molto di sé si cela l’atto delegato nel quale la Commissione europea metterà nero su bianco la classificazione delle fonti di energia più o meno verdi, ranking attraverso cui fornire agli investitori finanziari una definizione comune per mobilitare i capitale privati verso progetti sostenibili.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Nato, un ruolo per l’Italia

Climate change: le diverse policy ambientali