Un attacco di febbre dell’oro


Si chiama “Colombia” ed è in Mozambico. È una miniera d’oro a cielo aperto il cui nome evoca la violenza e l’assenza di leggi. Per arrivarci si attraversano i due mondi: quello della capitale, Maputo, un miracolo economico africano, e il paese rurale, fermo nel tempo.

Si chiama “Colombia” ed è in Mozambico. È una miniera d’oro a cielo aperto il cui nome evoca la violenza e l’assenza di leggi. Per arrivarci si attraversano i due mondi: quello della capitale, Maputo, un miracolo economico africano, e il paese rurale, fermo nel tempo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale