Un graffio sulla locomotiva


Uno stabilimento modernissimo con una capacità produttiva di 180mila vetture all’anno, un miliardo di euro di investimenti, più di 2400 operai al lavoro. Fiat in Serbia sforna a ciclo continuo le nuove 500 L ed è la locomotiva della ripresa del Paese. Ma un “incidente” interno getta ombre su “Fabbrica Serbia”.

Uno stabilimento modernissimo con una capacità produttiva di 180mila vetture all’anno, un miliardo di euro di investimenti, più di 2400 operai al lavoro. Fiat in Serbia sforna a ciclo continuo le nuove 500 L ed è la locomotiva della ripresa del Paese. Ma un “incidente” interno getta ombre su “Fabbrica Serbia”.

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran