Un miliardo di obesi


Sembra paradossale, ma è la triste verità: nei paesi in via di sviluppo, dove una persona su otto, quindi circa 850 milioni di persone al mondo, non ha cibo a sufficienza per soddisfare i propri bisogni minimi, negli ultimi 25 anni o poco più il numero di obesi e di persone sovrappeso è cresciuto in maniera esponenziale.

Sembra paradossale, ma è la triste verità: nei paesi in via di sviluppo, dove una persona su otto, quindi circa 850 milioni di persone al mondo, non ha cibo a sufficienza per soddisfare i propri bisogni minimi, negli ultimi 25 anni o poco più il numero di obesi e di persone sovrappeso è cresciuto in maniera esponenziale.

 

Se nel 1980 si contavano  250 milioni di persone, nel 2008 si è arrivati a sfondare il tetto del miliardo. Numeri impressionanti, forniti da una ricerca da poco pubblicata dall’Overseas Development Institute. Numeri piuttosto semplici da spiegare: dove manca la cultura del cibo, dove l’informazione è precaria, dove non viene svolta attività di prevenzione, gli obesi crescono.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia