Un salvagente per Danzica


Stettino e Gdynia hanno già chiuso. Ma per la Ue anche i cantieri navali di Danzica sono destinati a chiudere. A meno che l'attuale società di gestione, ucraina, non riesca a restituire gli ingenti finanziamenti pubblici ottenuti negli anni Novanta. Intanto, intorno alla mitica roccaforte di Solidarnosc si vanno schierando l'ex presidente Lech Walesa e dirigenti storici come Bogdan Olszewski….

Stettino e Gdynia hanno già chiuso. Ma per la Ue anche i cantieri navali di Danzica sono destinati a chiudere. A meno che l’attuale società di gestione, ucraina, non riesca a restituire gli ingenti finanziamenti pubblici ottenuti negli anni Novanta. Intanto, intorno alla mitica roccaforte di Solidarnosc si vanno schierando l’ex presidente Lech Walesa e dirigenti storici come Bogdan Olszewski….

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img