Un vespaio di popoli: il Daghestan


L’islamologo russo Aleksej Malasenko sostiene che l’idea di creare nel Nord del Caucaso uno Stato islamico non ha alcuna base materiale. Ciononostante, combinandosi con l’estremismo islamico, le spinte autonomistiche rischiano di portare a una seconda Cecenia con le tristemente note esplosioni di violenza. Le etnie minori si sentono minacciate e le strategie mondiali del petrolio vedono Russia e Stati Uniti decisi a tutelari i propri interessi.

L’islamologo russo Aleksej Malasenko sostiene che l’idea di creare nel Nord del Caucaso uno Stato islamico non ha alcuna base materiale. Ciononostante, combinandosi con l’estremismo islamico, le spinte autonomistiche rischiano di portare a una seconda Cecenia con le tristemente note esplosioni di violenza. Le etnie minori si sentono minacciate e le strategie mondiali del petrolio vedono Russia e Stati Uniti decisi a tutelari i propri interessi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema