spot_img

Una battaglia strategica per l’energia


Gli europei hanno capito che la grande battaglia dell’energia non si può vincere senza una politica comune. Ma intanto si continua a procedere in ordine sparso, come ha fatto recentemente il governo italiano accordandosi con Russia e Algeria. E questo costituisce un indubbio vantaggio per chi, come Vladimir Putin, ritiene che sull’energia si possano giocare nuovi equilibri.

Gli europei hanno capito che la grande battaglia dell’energia non si può vincere senza una politica comune. Ma intanto si continua a procedere in ordine sparso, come ha fatto recentemente il governo italiano accordandosi con Russia e Algeria. E questo costituisce un indubbio vantaggio per chi, come Vladimir Putin, ritiene che sull’energia si possano giocare nuovi equilibri.

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Rischi e sfide del Green Deal europeo

Corea del Sud, Cina e Giappone: miti e leggende