spot_img

Una dittatura lunga cinquant’anni


Cinquanta milioni di birmani sono prigionieri di un regime dittatoriale. Il Premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, agli arresti domiciliari da circa vent'anni, è di nuovo sotto processo. Il giornalista Alan Clements spiega in un libro, La mia Birmania, la difficile situazione di un Paese la cui storia è sempre stata caratterizzata dall'oppressione e che oggi, attraverso la strada della nonviolenza, si sta imponendo all'attenzione del mondo.

Cinquanta milioni di birmani sono prigionieri di un regime dittatoriale. Il Premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, agli arresti domiciliari da circa vent’anni, è di nuovo sotto processo. Il giornalista Alan Clements spiega in un libro, La mia Birmania, la difficile situazione di un Paese la cui storia è sempre stata caratterizzata dall’oppressione e che oggi, attraverso la strada della nonviolenza, si sta imponendo all’attenzione del mondo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine