spot_img

Una ferita chiamata Ortodossia


Diceva Papa Wojtyla che il Cristianesimo ha due polmoni e che senza quello dell’Ortodossia non esisterebbe. Ma gli ortodossi, spiega Paolo Rumiz in questa intervista, sono stati prima perseguitati e poi rimossi dalla memoria collettiva dell’Occidente. Tutto ha avuto inizio con il disfacimento dell’impero turco, quando le logiche nazionalistiche hanno preso il sopravvento

Diceva Papa Wojtyla che il Cristianesimo ha due polmoni e che senza quello dell’Ortodossia non esisterebbe. Ma gli ortodossi, spiega Paolo Rumiz in questa intervista, sono stati prima perseguitati e poi rimossi dalla memoria collettiva dell’Occidente. Tutto ha avuto inizio con il disfacimento dell’impero turco, quando le logiche nazionalistiche hanno preso il sopravvento

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania