Una grande opportunità per le regioni adriatiche


Il progetto di un Adriatico con un elevato grado di integrazione non va ostacolato, ma favorito. Sempre che, beninteso, la pace continui a regnare nei Balcani e che l’Unione europea non cambi natura e indirizzi. Dal punto di vista della sponda italiana, stante la fame di capitali nei Paesi del Sud-est europeo, si deve puntare anzitutto sull’aumento netto degli investimenti, sia diretti sia di portafoglio.

Il progetto di un Adriatico con un elevato grado di integrazione non va ostacolato, ma favorito. Sempre che, beninteso, la pace continui a regnare nei Balcani e che l’Unione europea non cambi natura e indirizzi. Dal punto di vista della sponda italiana, stante la fame di capitali nei Paesi del Sud-est europeo, si deve puntare anzitutto sull’aumento netto degli investimenti, sia diretti sia di portafoglio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img