spot_img

L’UE inizia a vedere i migranti come un problema da combattere


Corrono tempi difficili per i “cervelli in circolazione” in Europa. I migranti Ue in alcuni paesi come l’Inghilterra, dove i nostri connazionali sono in continuo aumento, (da un recente calcolo approssimativo dell’ambasciata italiana e il consolato presso il Regno Unito se ne contano, per ora, circa 500mila), iniziano ad essere considerati un problema per lo stato sociale.

Corrono tempi difficili per i “cervelli in circolazione” in Europa. I migranti Ue in alcuni paesi come l’Inghilterra, dove i nostri connazionali sono in continuo aumento, (da un recente calcolo approssimativo dell’ambasciata italiana e il consolato presso il Regno Unito se ne contano, per ora, circa 500mila), iniziano ad essere considerati un problema per lo stato sociale.

 REUTERS/Luke MacGregor

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania