Stati Uniti: la riforma della polizia


Usa: sono molte le città che, dopo Minneapolis, pensano di riformare la polizia. Secondo un sondaggio, 9 americani su 10 sarebbero a favore, ma il Senato (repubblicano) è contrario

Usa: sono molte le città che, dopo Minneapolis, pensano di riformare la polizia. Secondo un sondaggio, 9 americani su 10 sarebbero a favore, ma il Senato (repubblicano) è contrario

Una protesta contro il Dipartimento di Polizia di New York a sostegno del movimento “Black Lives Matter” a Lower Manhattan, New York City, Usa, 1° luglio 2020. REUTERS/Andrew Kelly

George Floyd è stato ucciso a Minneapolis il 25 maggio. Soffocato dal ginocchio del poliziotto Derek Chauvin che lo aveva fermato all’uscita da una drogheria. Dopo la segnalazione del negoziante che aveva chiesto l’intervento degli agenti per una banconota falsa da 20 dollari. Quegli interminabili 8 minuti e 46 secondi del ginocchio del poliziotto sul collo dell’uomo disarmato ripresi dal telefonino di un passante, e il rantolo “I can’t breathe”, non riesco a respirare, sono diventati un simbolo, lo slogan delle rivendicazioni del movimento Black Lives Matter e di quello direttamente collegato Defund The Police.

Tra la fine di maggio e l’inizio di luglio, 26 milioni di persone in 550 città americane hanno manifestato contro i metodi brutali usati dalla polizia per l’uccisione di Floyd: sono state le maggiori proteste per i diritti civili contro il razzismo dagli anni Sessanta. Da allora poco è cambiato. La polizia ha continuato a uccidere persone di colore a un ritmo più elevato rispetto ai bianchi nelle strade americane e l’uso facile delle armi da parte di ufficiali di polizia ha continuato a suscitare proteste.

A Philadelphia, pochi giorni prima dell’Election Day, la polizia ha ucciso Walter Wallace, un afroamericano di 27 anni con problemi mentali, che per strada durante una lite familiare brandiva un coltello. La madre stava cercando di calmarlo e quando è arrivata la polizia ha tentato di fargli da schermo con il suo corpo. Due poliziotti gli hanno sparato diversi colpi. Non alle gambe come avrebbero potuto. E lo hanno ucciso. Generando violenti scontri nella città.

Polizia e sicurezza

Il futuro della polizia e la sicurezza sono diventati un incandescente terreno di scontro elettorale nell’ultimo spicchio della campagna delle presidenziali.

“La sinistra radicale democratica è diventata pazza”, twittava Donald Trump per commentare l’idea di abolire e tagliare fondi alla polizia dopo l’ondata di proteste anti razziste che ha incendiato per settimane l’America.

A Minneapolis, la città di Floyd, due settimane dopo l’uccisione, il consiglio comunale ha approvato una delibera che prevede l’abolizione del Dipartimento di polizia della città e un taglio dei fondi. Nove consiglieri su 12 hanno approvato il provvedimento mettendo un veto. Il sindaco, il democratico Jacob Frey, si è opposto. “L’obiettivo è quello di riformare e ricostruire insieme a tutta la nostra comunità un nuovo modello di sicurezza pubblica che davvero garantisca la sicurezza di tutti”, ha scritto su twitter una delle consiglieri comunali. Lo smantellamento del Minneapolis Police Department (MPD), formato da 723 poliziotti, non avverrà subito. Si tratta di un processo lungo. Non è detto che vada in porto, tra ricorsi e emendamenti. Verrà sostituito da un non meglio precisato nuovo modello di polizia che assicuri la sicurezza della popolazione, le cui funzioni verranno determinate attraverso un confronto con tutti i residenti della città.

Ripensare al modello di sicurezza

La città di Minneapolis in ogni caso si è impegnata con questa norma a riformare e a ripensare il modello di sicurezza della popolazione sulla scia dell’uccisione di Floyd. Il 38enne sindaco democratico che si è opposto al provvedimento è stato salutato all’esterno della City Hall dalle proteste dei manifestanti, al grido di “Vergogna, vergogna”, “Vai a casa Frey”.

Altre città dopo Minneapolis stanno pensando di riformare le polizie. A New York il sindaco Bill de Blasio ha annunciato il taglio di una parte delle risorse destinate al New York Police Department con un aumento dei fondi per i giovani e i servizi sociali: la polizia di Nyc ha un budget annuo di 6 miliardi di dollari. A Los Angeles il sindaco democratico Eric Garcetti ha annunciato un piano dello stesso genere che prevede di riallocare oltre 150 milioni di dollari del budget della polizia ad azioni di sostegno della comunità nera.

Trump ha riorientato la sua campagna elettorale e la sua retorica riproponendosi come l’alfiere del Law & Order e del rafforzamento dei poteri e delle risorse della polizia. Negli ultimi velenosi mesi della campagna elettorale ha cercato di associare il rivale democratico Joe Biden agli attivisti del movimento Defund The Police che chiedono di “togliere i fondi alla polizia” e vengono accusati di voler indebolire la polizia nella lotta alla criminalità.

Il movimento “Defund the police”

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran