spot_img

Al via i colloqui per l’iniziativa commerciale tra Stati Uniti e Taiwan


Si chiama Us-Taiwan Initiative on 21st-Century Trade e ha l’obiettivo di rafforzare le relazioni economiche e commerciali tra Washington e Taipei. L’ira di Pechino: stop alle trattative

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

Si chiama Us-Taiwan Initiative on 21st-Century Trade e ha l’obiettivo di rafforzare le relazioni economiche e commerciali tra Washington e Taipei. L’ira di Pechino: stop alle trattative

Una reazione forte della Cina era del tutto prevedibile all’avvio delle trattative tra Stati Uniti e Taiwan sulla Initiative on 21st-Century Trade. Annunciata il primo giugno, lo scorso lunedì funzionari statunitensi e taiwanesi hanno iniziato ufficialmente le discussioni sulla nuova proposta, finalizzata al rafforzamento delle relazioni economiche e commerciali sull’asse Washington-Taipei. Il Partito comunista cinese, tramite il portavoce del Ministero degli Esteri Zhao Lijian, ha ricordato che nel mondo esiste una sola Cina e che Pechino “si oppone a ogni forma di interazione tra Taiwan e le nazioni che hanno rapporti diplomatici con la Repubblica popolare”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img