Volontariato come antidoto all’apocalisse culturale


Beslan è l’estremo. Ma tutti viviamo la condizione di chi ha smarrito i principi ordinatori del conflitto di classe. E che si trova a fare i conti con
la moltiplicazione di identità differenziali, di comunità artificialmente costruite, di soggetti alla ricerca di nuovi fattori di identificazione e
reciproco riconoscimento. Ecco perché quelli che si mettono in mezzo, i volontari…

Beslan è l’estremo. Ma tutti viviamo la condizione di chi ha smarrito i principi ordinatori del conflitto di classe. E che si trova a fare i conti con
la moltiplicazione di identità differenziali, di comunità artificialmente costruite, di soggetti alla ricerca di nuovi fattori di identificazione e
reciproco riconoscimento. Ecco perché quelli che si mettono in mezzo, i volontari…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img