Ue, von der Leyen in tour nei Balcani occidentali


Si chiude oggi il viaggio della Presidente della Commissione Ue nei Balcani. Sul tavolo la questione dell’integrazione nell'Unione europea e le tensioni tra Serbia e Kosovo

Ilaria Sbarigia Ilaria Sbarigia
Documentarista appassionata di geopolitica e di storia.

Si chiude oggi il viaggio della Presidente della Commissione Ue nei Balcani. Sul tavolo la questione dell’integrazione nell’Unione europea e le tensioni tra Serbia e Kosovo

Si chiude oggi in Bosnia-Erzegovina il viaggio della Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nei Balcani. Il tour ha toccato nei giorni scorsi anche Albania, Macedonia del Nord, Kosovo, Montenegro e Serbia.

Sul tavolo la questione dell’integrazione nell’Unione europea e le tensioni tra Serbia e Kosovo.

“L’Unione europea vuole progresso e integrazione per i Balcani occidentali”. In diverse occasioni durante la sua visita, la Presidente ha voluto ribadire che il suo viaggio ha lo scopo di inviare un segnale forte dell’impegno europeo nel processo di adesione all’Unione. Il cammino verso l’integrazione è in realtà molto lento; attualmente Albania, Macedonia del Nord, Montenegro e Serbia hanno lo status di candidati, mentre Bosnia-Erzegovina e Kosovo sono potenziali candidati. Dopo l’ingresso della Slovenia nel 2004, nel 2007 l’Unione europea ha dato semaforo verde anche a Bulgaria e Romania.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran