spot_img

Wajda manda la Polonia al cinema


Il titolo è Post mortem e racconta il massacro di Katyn, in cui morirono per mano di Stalin migliaia di ufficiali polacchi e che per decenni fu un tema vietato. Con questo nuovo film, il regista Andrzej Wajda mostra come un popolo non possa vivere senza fare i conti con la propria storia. Esattamente come i singoli individui. E per lui il legame con la storia e la letteratura della sua terra continua a essere molto forte. Come dimostrano tutte le sue opere, a iniziare da quelle dei suoi prestigiosi esordi.

Il titolo è Post mortem e racconta il massacro di Katyn, in cui morirono per mano di Stalin migliaia di ufficiali polacchi e che per decenni fu un tema vietato. Con questo nuovo film, il regista Andrzej Wajda mostra come un popolo non possa vivere senza fare i conti con la propria storia. Esattamente come i singoli individui. E per lui il legame con la storia e la letteratura della sua terra continua a essere molto forte. Come dimostrano tutte le sue opere, a iniziare da quelle dei suoi prestigiosi esordi.

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania