spot_img

Xi ordina, via i patrimoni


Secondo il New York Times, «nel gennaio dello scorso anno, poco dopo che Xi Jinping è arrivato al potere, la sorella maggiore e il cognato hanno perfezionato la cessione della loro quota del 50 per cento in una società di investimento di Pechino che avevano messo su in partnership con una banca di proprietà dello Stato. Secondo il finanziere miliardario Xiao Jianhua, che ha co-fondato la società che ha acquistato la quota, la mossa è parte di uno sforzo costante da parte della famiglia per uscire dagli investimenti».

Secondo il New York Times, «nel gennaio dello scorso anno, poco dopo che Xi Jinping è arrivato al potere, la sorella maggiore e il cognato hanno perfezionato la cessione della loro quota del 50 per cento in una società di investimento di Pechino che avevano messo su in partnership con una banca di proprietà dello Stato. Secondo il finanziere miliardario Xiao Jianhua, che ha co-fondato la società che ha acquistato la quota, la mossa è parte di uno sforzo costante da parte della famiglia per uscire dagli investimenti».

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale