Zhang Yimou multato: ha violato la politica del figlio unico


La Cina ha multato con 900mila euro il celebre regista cinematografico Zhang Yimou, per aver violato la legge del figlio unico. Si tratta della decisione cui è giunta la commissione di pianificazione familiare della città orientale cinese di Wuxi. Il famoso regista (e sua moglie, Chen Ting), sono stati multati di 7,48 milioni di yuan dopo la scoperta di essere genitori di tre figli, due maschi e una femmina. La commissione ha chiesto a Zhang il pagamento della cifra come «tassa di manutenzione sociale».

La Cina ha multato con 900mila euro il celebre regista cinematografico Zhang Yimou, per aver violato la legge del figlio unico. Si tratta della decisione cui è giunta la commissione di pianificazione familiare della città orientale cinese di Wuxi. Il famoso regista (e sua moglie, Chen Ting), sono stati multati di 7,48 milioni di yuan dopo la scoperta di essere genitori di tre figli, due maschi e una femmina. La commissione ha chiesto a Zhang il pagamento della cifra come «tassa di manutenzione sociale».

 

Si tratta della multa più alta inflitta dalla commissione per la pianificazione familiare, e arriva proprio alcune settimane dopo la riforma che consentirà alle famiglie cinesi, purché formate da almeno un figlio unico, di avere più figli. Nel maggio dell’anno scorso si era diffusa la voce secondo la quale Zhang Yimou e la moglie avevano violato la legge, ma sia il regista, sia la sua compagna (con cui si è regolarmente sposato solo nel 2011) non avevano rilasciato dichiarazioni.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia